OIPA











Utilità




Gli altri siti OIPA


Guardie zoofile


OIPA Internazionale


Medici Internazionali


Ricerca senza Animali


Appelli per gli animali


Animalismo











Iscriviti al canale

You tube OIPA



VIVISEZIONE: ITALIA RISCHIA SANZIONI PER IL MANCATO RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA

25/06/13

Dopo la comunicazione del 31 gennaio, giovedì scorso -20 giugno- l’Unione Europea ha inviato all’Italia un parere motivato per intimare il recepimento della Direttiva 2010/63/UE meglio conosciuta come “direttiva vivisezione”.
Si tratta del secondo atto formale della procedura d’infrazione al quale -in caso di ulteriore inerzia- seguirà il deferimento.
La Commissione Europea ha così deciso di utilizzare il pugno di ferro in una materia estremamente delicata sulla quale, però, i cittadini italiani (ed europei) hanno dimostrato di avere le idee molto chiare: oltre l’87% è contrario alla vivisezione.
A ciò si aggiunga che, dal punto di vista giuridico, la Direttiva in questione presenta numerosi aspetti negativi alcuni dei quali in contrasto persino con i Trattati fondamentali dell’Unione Europea. In particolare, l’Unione si arroga una competenza sui temi etici, peraltro attuando palesi discriminazioni fra”sensibilità” diverse, senza averne alcun diritto.
E’ chiaro che dietro a tutta questa fretta e prova di forza si nascondono fortissimi interessi economici e la potentissima lobby del farmaco e se questa linea dura passerà allora continueremo ad essere -insieme a miliardi di animali- le silenziose vittime della vivisezione e di una scienza falsa e dannosa.
La vera natura e il modus operandi della grande industria farmaceutica, infatti, si ritrovano in un’efficace espressione ormai presente in diverse cronache che si occupano delle vicende giudiziarie di Big Pharma in tutto il mondo: metodo mafioso.
Ma proviamo a ricostruire, a mero titolo illustrativo, le vicende degli ultimi mesi legate a questo torbido mondo e scoperte unicamente grazie al coraggio di ex dipendenti, in seguito sottoposti a violenze e minacce. La GlaxoSmithKleine è stata condannata a pagare tre miliardi di dollari per corruzione, frode scientifica, falsità con gli enti regolatori e pratiche monopolistiche. La Pfitzer è stata denunciata per schema monopolistico e la Merck per vari reati sempre legati ai brevetti, in particolare contaminava campioni di sangue con anticorpi animali per fare apparire gli anticorpi del sistema immunitario. La Roche, la Bayer e in ultimo la Novartis sono state condannate per tentato aggiramento dell’articolo 3(d) della Legge sui brevetti in India, mentre la GlaxoSmithKleine di cui sopra veniva condannata altresì per aver sperimentato i propri vaccini e ucciso bambini in Argentina, Colombia, Panama, Bolivia, Gabon, Mozambico, Tanzania, Ghana, Benin, Costa d’Avorio, Kenya, Uganda, Repubblica Centrafricana, Malawi, Namibia e Burkina Faso.
Poi, non appagati, proseguono la strage con la commercializione dei loro veleni alla ricerca del profitto a tutti i costi: nei soli Stati Uniti i farmaci causano 100.000 morti all’anno, il 52% dei farmaci “sicuri” provoca gravi reazioni avverse (leggasi morte, pericolo di morte e inabilità permanente) e oltre l’80% dei farmaci commercializzati vengono ritirati. Inoltre, ormai tutti conoscono il caso Green Hill un intero allevamento lagher di proprietà della Marshall, finalmente chiuso, dove gli inquirenti hanno ritrovato di tutto e per il quale è stata formalizzata l’accusa di animalicidio e maltrattamento in concorso.
Intanto, mentre in Italia prosegue l’iter parlamentare che affronta il Disegno di Legge 587 che contempla tutte le direttive europee per le quali è in atto una procedura d’infrazione e si registrano numerosi emendamenti e prese di posizioni differenti in merito alla Direttiva sulla vivisezione, centinaia di migliaia di cittadini europei continuano a lottare e a portare avanti l’iniziativa popolare Stop Vivisection.
Tramite questa iniziativa, i cittadini europei chiedono alla Commissione l’abrogazione dell’attuale Direttiva e, contestualmente, una nuova proposta legislativa che protegga realmente gli animali e che renda finalmente obbligatorio per la ricerca l’utilizzo di dati specifici per la specie umana e così eliminando definitivamente la vivisezione, una pratica barbara, crudele e dannosa per tutti.

Edoardo Gandini
OIPA-EU Relations Officer
OIPA European Campaigns Officer
Member of the European Enforcement Network of Animal Welfare Lawyers and Commissioners





Organizzazione Internazionale Protezione Animali

Organizzazione Non Governativa (ONG) affiliata al Dipartimento della Pubblica Informazione (DPI)
e al Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC) dell’ONU

OIPA Italia Onlus
Codice fiscale 97229260159
Riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente (DM del 1/8/07 pubblicato sulla GU 196 del 24/8/07)
Sede legale e amministrativa: via Gian Battista Brocchi 11 – 20131 Milano - Tel. 02 6427882 – Fax 02 99980650
Sede amministrativa: via Albalonga 23 - 00183 Roma - Tel. 06 93572502 – Fax 06 93572503
info@oipa.orgwww.oipa.org