Torna alla home

OIPA














Utilità





Gli altri siti OIPA


Guardie zoofile


OIPA Internazionale


Medici Internazionali


Ricerca senza Animali


Appelli per gli animali


DONA IL 5x1000 ALL'OIPA: CODICE FISCALE 97229260159


Vai a vedere il catalogo

Animalismo














Intrattenimento






Multimedia


Iscriviti al canale

You tube OIPA



LA CACCIA

Ogni anno muoiono parecchi milioni di animali sotto i fucili dei cacciatori. Alcuni di loro provengono da allevamenti appositi che poi li rilasciano all'inizio della stagione venatoria, ma molti sono animali selvatici.

I cacciatori, unico caso in Italia, sono autorizzati, durante la stagione della caccia, ad entrare nei campi e nelle proprietà private. Fra Stato e cacciatori esiste un rapporto di mutuo scambio: voti in cambio di soldi.

Il bracconaggio è una delle principali cause della diminuzione o dell'estinzione di alcune specie selvatiche. Spesso mira all'abbattimento di esemplari rari come il camoscio d'Abruzzo, l'aquila reale o il muflone sardo, finalizzato al commercio clandestino di trofei o di animali imbalsamati. A questo si aggiungono gli illeciti commessi dal singolo cacciatore che, pur esercitando un'attività consentita, non esita a sparare alla specie selvatica rara e protetta, se gli capita a tiro. Il giro d'affari del bracconaggio è di 5 milioni di Euro all'anno.

Parte del bracconaggio riguarda la cattura di uccelli selvatici protetti (pettirossi, cince, codibugnoli, codirossi e altri piccoli passeriformi) venduti poi illegalmente. I metodi di cattura si avvalgono di reti e di archetti.

Particolarmente crudele l'archetto è costituito da un ramoscello piegato attraverso cui passa un filo in nylon bloccato a una delle estremità da un pezzettino di legno collegato all'esca. Quando l'uccello toglie l'esca sblocca il meccanismo facendo tendere il filo, che lo imprigiona.

Un altro metodo usato comunemente è il vischio, a cui gli uccelli restano incollati. Il 65% degli uccelli non sopravvive allo stress della cattura. Fra i pochi che si salvano, alcuni vengono accecati per essere poi utilizzati come richiamo per catturare altri esemplari della stessa specie.

 





Organizzazione Internazionale Protezione Animali


ONG affiliata al dipartimento della Pubblica Informazione dell’ONU
OIPA Italia Onlus
Codice fiscale 97229260159
Riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente (DM del 1/8/07 pubblicato sulla GU 196 del 24/8/07)
Sede legale e amministrativa: via Passerini 18 - 20162 Milano - Tel. 02 6427882 – Fax 02 99980650
Sede amministrativa: via Albalonga 23 - 00183 Roma - Tel. 06 93572502 – Fax 06 93572503
info@oipa.orgwww.oipa.org