Torna alla home

OIPA














Utilità





Gli altri siti OIPA


Guardie zoofile


OIPA Internazionale


Medici Internazionali


Ricerca senza Animali


Appelli per gli animali


DONA IL 5x1000 ALL'OIPA: CODICE FISCALE 97229260159


Vai a vedere il catalogo

Animalismo














Intrattenimento






Multimedia


Iscriviti al canale

You tube OIPA



DAVANTI AL PANTHEON PER FAR SENTIRE LA NOSTRA VOCE
AI SENATORI: CHIUDIAMO GREEN HILL!

“Sulla sperimentazione in vivo no ad accordi sottobanco con le multinazionali ed i loro mercanti di morte”. Le principali associazioni che tutelano i diritti degli animali – ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), LAV (Lega Anti Vivisezione), LNDC (Lega Nazionale per la Difesa de Cane), LEIDAA (Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente), OIPA (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) – ed il comitato spontaneo “Occupy Green Hill”, sono scesi oggi in piazza, davanti al Pantheon, per fare nomi e cognomi dei senatori sensibili al “canto” delle multinazionali e delle loro lobby e quindi pronti a modificare il testo dell’art. 14 della legge comunitaria 2011 licenziato dalla Camera, che vieta, tra l’altro, di eseguire esperimenti su animali senza anestesia e di allevare sul territorio nazionale cani, gatti e primati destinati alla vivisezione.

Nel mirino soprattutto la presidente della commissione Politiche dell’Unione europea, Rossana Boldi (Lega) e il relatore Roberto di Giovan Paolo (Pd). I due senatori avrebbero infatti annunciato il loro assenso ad un emendamento aggiuntivo, in calce all’art. 14, che in pratica consentirebbe di superare le restrizioni introdotte durante il passaggio alla Camera e impedirebbe anche la chiusura di Green Hill.

“Non possiamo permettere – affermano le associazioni animaliste – che per difendere i loro grandi interessi economici, lobby potentissime si mettano d’accordo sottobanco con una certa parte della politica, infischiandosene della volontà della stragrande maggioranza degli italiani. Gli italiani non vogliono che canili-lager come Green Hill continuino ad operare.

Come vogliono fermare i traffici di macachi di Harlan. Ci risulta invece che presidente e relatore della commissione Politiche dell’Unione europea del Senato intendano manipolare il testo licenziato dalla Camera, introducendo alla fine dell’articolo un’ultima “lettera” che darà il permesso di derogare a tutto, così che nulla cambi. Un esempio di cattiva politica, che mette gli interessi economici delle multinazionali davanti a quelli dei cittadini, ostacolando lo sviluppo di una ricerca eticamente accettabile e soprattutto piu’ sicura per l’uomo.

Un accordo sottobanco che va contro la volontà degli italiani e dello stesso ministro della salute Renato Balduzzi, schieratosi pubblicamente per la chiusura di Green Hill, oltre che contraddire i pareri favorevoli all’articolo 14 formulati dal governo e dalle commissioni che lo hanno già esaminato.

In particolare, aggiungono le associazioni, questo “colpo di mano” rappresenta una vera e propria invasione nel campo della commissione di merito, la commissione Igiene e Sanità, che il 2 febbraio scorso ha appoggiato integralmente il testo uscito dalla Camera, confermandone tutte le previsioni. A questo punto ci chiediamo: vorranno i senatori ignorare la volontà popolare e prendersi la responsabilità di alimentare ancora certi traffici di morte?





Organizzazione Internazionale Protezione Animali


ONG affiliata al dipartimento della Pubblica Informazione dell’ONU
OIPA Italia Onlus
Codice fiscale 97229260159
Riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente (DM del 1/8/07 pubblicato sulla GU 196 del 24/8/07)
Sede legale e amministrativa: via Passerini 18 - 20162 Milano - Tel. 02 6427882 – Fax 02 99980650
Sede amministrativa: via Albalonga 23 - 00183 Roma - Tel. 06 93572502 – Fax 06 93572503
info@oipa.orgwww.oipa.org