OIPA











Utilità




Gli altri siti OIPA


Guardie zoofile


OIPA Internazionale


Medici Internazionali


Ricerca senza Animali


Appelli per gli animali


Animalismo











Iscriviti al canale

You tube OIPA



MILANO: UN BLITZ DEGLI ATTIVISTI LIBERA CENTINAIA
DI CAVIE DA LABORATORIO RINCHIUSE NEGLI STABULARI

22/04/2013

A seguito dell’occupazione di oltre dieci ore da parte di alcuni attivisti che sabato 20 aprile si sono barricati all’interno degli stabulari del Dipartimento di Farmacologia dell’Università degli Studi di Milano, la direttrice dell’istituto ha consentito alla cessione di circa 200 roditori e 1 coniglio utilizzati come cavie per la sperimentazione. Fuori dall’istituto una folla di sostenitori ha accompagnato le operazioni di trattativa con le forze dell’ordine e con il personale interno fino alla liberazione avvenuta in serata.

Condividiamo una riflessione di Edoardo Gandini, OIPA-EU Relations Officer e membro dell’European Enforcement Network of Animal Welfare Lawyers and Commissioners, che ha partecipato al presidio intervenendo per caldeggiare una rapida risoluzione della vicenda a favore della liberazione di tutte le cavie: “Gli italiani non vogliono più farsi prendere in giro: la vivisezione è agli antipodi della scienza e la giornata di sabato ha riportato un po' di potere nelle mani dei cittadini stanchi e disgustati dalle violenze che vengono commesse in quei luoghi atroci e grazie anche alla professionalità delle Forze dell'Ordine è stato possibile liberare molti animali innocenti detenuti e torturati. Nel laboratorio di via Vanvitelli si portano avanti ricerche utili solo alla curiosità dei vivisettori assetati di pubblicazioni facili, ma destinate all'oblio dell'inutilità scientifica. Tutto quello che avviene in quei luoghi inaccessibili è persino contrario ai Trattati dell'Unione Europea e alla volontà popolare, ma viene giustificato dai falsi miti delle cure per le malattie mortali. La Dichiarazione di Basilea, un documento firmato dai vivisettori e dalle industri farmaceutiche -i loro mandanti- afferma che non si conoscono le cause delle oltre 30.000 malattie che colpiscono l'essere umano, strano che essi non facciano un po' di autocritica e, per dirla con il Prof. Ronald Davis della Stanford University, i ricercatori "sono così indottrinati e così spinti a ricercare nei topi che si dimenticano che dovrebbero curare gli uomini".

N.B.: Chi può dare una casa o uno stallo in zona Milano per questi topi telefoni al 339 2144345 o scriva a adozionicontrogreenhill@gmail.com





Organizzazione Internazionale Protezione Animali

Organizzazione Non Governativa (ONG) affiliata al Dipartimento della Pubblica Informazione (DPI)
e al Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC) dell’ONU

OIPA Italia Onlus
Codice fiscale 97229260159
Riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente (DM del 1/8/07 pubblicato sulla GU 196 del 24/8/07)
Sede legale e amministrativa: via Gian Battista Brocchi 11 – 20131 Milano - Tel. 02 6427882 – Fax 02 99980650
Sede amministrativa: via Albalonga 23 - 00183 Roma - Tel. 06 93572502 – Fax 06 93572503
info@oipa.orgwww.oipa.org