Comunicato  stampa
5 settembre 2020

 

GLI ANIMALI SALVATI DALL’ORRORE IN VALSAMOGGIA CERCANO FAMIGLIA

APPELLO DELL’OIPA DI BOLOGNA: «REGALATE UNA VITA FELICE AI CANI E AI GATTI SUPERSTITI »
 

Dopo la scoperta degli animali congelati in due appartamenti, gli animali salvati possono essere presi in affido

 

Possono essere dati in affido temporaneo, in attesa della sentenza, i superstiti del sequestro dei giorni scorsi a Bazzano e Savigno, in provincia di Bologna.

Grazie all’intervento delle guardie zoofile dell’Oipa di Bologna, sono stati messi in salvo da uno scenario atroce 11 gatti, 24 cani e una tartaruga, tutti gravemente maltrattati da due donne, madre e figlia, per le quali è scattata d’imputazione di reato di maltrattamento.

Nelle case delle due donne, a Bazzano e Savigno, sono stati anche scoperti i macabri resti congelati di una trentina di cani e gatti.

«Gli animali sequestrati, tutti molto docili e giovani, sono ora ospitati tra il rifugio e l’Oasi felina di Valsamoggia e i canili di Calderara e Bologna», spiega Paolo Venturi, delegato della sezione Oipa di Bologna. «Per ora possono essere presi in affido temporaneo, in attesa della sentenza che poi li renderà adottabili a tutti gli effetti. Speriamo di poter trovare una famiglia per ognuno di loro e per questo facciamo appello affinché gli interessati si facciano avanti, scrivendo alla nostra email guardiebologna@oipa.org».

I gatti e i cani saranno dati in affido vaccinati e sterilizzati a spese del Comune.

Guarda e scarica le foto e i video

 

Per ulteriori informazioni:

Ufficio stampa OIPA Italia
press@oipa.org
Tel. 3204056710
Canale Telegram Oipa per ricevere i comunicati stampa: https://t.me/oipaonlus