L'OIPA e la prevenzione del randagismo

La Legge 281/91 stabilisce che né i cani detenuti nei canili, né quelli randagi possano più essere soppressi né ceduti a laboratori di vivisezione. Inoltre prevede l’istituzione dell’anagrafe canina che tramite un tatuaggio indolore collega ogni cane al proprietario. Con questa legge si decreta, per la prima volta in Italia, che l’abbandono di un animale costituisce un reato punibile con sanzioni penali.

Un cane, trovato a girovagare senza medaglietta e senza tatuaggio, viene considerato randagio e, in genere, catturato e portato al canile municipale.

Il tatuaggio di identificazione può essere eseguito presso qualsiasi veterinario o rivolgendosi alla ASL locale.

La sterilizzazione di cani e gatti, nonostante possa sembrare una prevaricazione sulla natura dell’animale, costituisce un fattore importantissimo per la prevenzione del randagismo. Nella maggior parte dei casi il destino delle cucciolate indesiderate è o la soppressione o l’abbandono. La sterilizzazione sopprimendo l’istinto sessuale evita fughe nel periodo del calore riducendo il rischio di perdere il cane o il gatto. Inoltre, nel caso delle femmine, si rivela l’unica efficace prevenzione nei tumori alla mammella.

La registrazione di cani e gatti nello stato di famiglia o la defiscalizzazione degli acquisti e delle spese per chi adotta un randagio, rappresentano un validissimo deterrente per chi volesse abbandonare un cane da una parte e un modo per non pesare troppo sulle spese delle famiglie dall’altra.

Di fondamentale importanza sono la diffusione di campagne di adozione dei cani dei canili e l’introduzione del divieto di vendita degli animali, che rappresenta un costante serbatoio di animali, a fronte delle centinaia di migliaia di animali che vivono in canile.

Ricordiamo poi che con l’introduzione della nuova Legge sui maltrattamenti (Legge n°189 del 2004) abbandonare un cane è un reato punito dalle leggi dello Stato con l’arresto fino ad un anno o ammenda da 1.000 a 10.000 Euro.

Inoltre ogni persona ha la possibilità e il dovere di denunciare alle Forze dell’Ordine (Polizia, Carabinieri, ecc) chi abbandona un animale o anche chi più semplicemente non registra il proprio animale all’anagrafe canina.