I volontari dell’OIPA insieme alle Associazioni Animalisti Italiani, AVCPP-Io Libero, ENPA, LAV si sono riuniti in un presidio per contestare la costruzione di un acquario nel “Laghetto dell’EUR” a Roma, una prigione per più di 3.000 animali, dalle tartarughe marine a diverse specie di pesci del Mediterraneo fino agli squali.
Nel corso del flash mob le associazioni hanno esposto uno striscione dallo slogan “ANCHE I PESCI HANNO UN CUORE, ANIMALI LIBERI”.
L’acquario violerebbe inoltre il Regolamento comunale sulla tutela degli animali che all’articolo 16 “vieta su tutto il territorio qualsiasi forma di spettacolo o di intrattenimento pubblico o privato effettuato con o senza scopo di lucro che contempli, in maniera totale o parziale, l’utilizzo di animali, sia appartenenti a specie domestiche che selvatiche”.
L’OIPA e tutte le altre associazioni presenti hanno chiesto l’intervento del Commissario Prefettizio Tronca per il rispetto del Regolamento comunale e un provvedimento del Ministro dell’Ambiente Galletti per vietarne l’apertura, nonché la riconversione della struttura a Centro di educazione al rispetto degli animali anche attraverso la proposizione di realtà virtuali così come prevedeva il progetto iniziale.

PERCHE’ NO ALL’ACQUARIO DI ROMA
Sarebbero in ultimazione i lavori che da anni sono in corso al Laghetto dell’Eur, che negli anni hanno passato le Giunte Veltroni, Alemanno e

Sarebbero in ultimazione i lavori che da anni sono in corso al Laghetto dell’Eur, che negli anni hanno passato le Giunte Veltroni, Alemanno e Marino, per la costruzione di un acquario e sarebbe imminente la sua apertura.
Si tratta di una nuova prigione per più di 3000 (tremila!) animali innocenti, dalle tartarughe marine a pesci del Mediterraneo, agli squali. Una fonte di lucro per società private – fra le quali la Mare Nostrum Romae srl e la multinazionale Merlin Entertainments Group Holding Limited che ha acquari in tutto il mondo e in Italia è presente a Gardaland e Jesolo – su un terreno pubblico come quello dell’EUR di valore inestimabile con un’occupazione di oltre 13mila metri quadrati.
L’Acquario ad oggi non ha la necessaria autorizzazione del Ministero dell’Ambiente.
L’Acquario si fregia della collaborazione di un’associazione noprofit, la Sea Life Trust, ovviamente non indipendente dalla Merlin srl, che funge da “greenwasher” (lavaggio verde) che ha tra i suoi fini quello di una “pesca responsabile”, così come la Expomed della quale sono soci anche strutture pubbliche e ne è presidente un veterinario, Presidente anche della Fondazione Bioparco sia sotto la Giunta Alemanno che in quella Marino.
I presunti obiettivi di educazione, conservazione, ricerca, serviranno solamente a far staccare più biglietti d’ingresso possibile.
Negli acquari la mortalità degli animali è altissima. Ma, in assenza di riconoscibilità degli animali, basta catturarne di nuovi in mare e si rimpiazzano subito.
Mari, barriere coralline, foche, tartarughe, si salvano grazie a provvedimenti legislativi e scelte personali che nulla hanno a che vedere con il ruolo degli acquari.
L’Acquario viola il Regolamento comunale sulla tutela degli animali che all’articolo 16 “vieta su tutto il territorio qualsiasi forma di spettacolo o di intrattenimento pubblico o privato effettuato con o senza scopo di lucro che contempli, in maniera totale o parziale, l’utilizzo di animali, sia appartenenti a specie domestiche che selvatiche. Il divieto di cui sopra si applica a fiere, mostre di animali, esposizioni, concorsi, sagre, manifestazioni itineranti, spettacoli in strada” e prevede come sanzione da 200 a 500 euro per ogni animale coinvolto e il sequestro e confisca dei mezzi e degli animali utilizzati per commettere la violazione.
PERCHE’ SI A UN CENTRO DI EDUCAZIONE AL RISPETTO DEGLI ANIMALI
Le associazioni animaliste e i cittadini sottoscriventi chiedono l’intervento del Commissario Prefettizio Tronca per il rispetto del Regolamento comunale, la negazione da parte del Ministro dell’Ambiente Galletti dell’autorizzazione all’apertura. E la riconversione della struttura a Centro di educazione al rispetto degli animali anche attraverso la proposizione di realtà virtuali così come prevedeva il progetto iniziale.

SCARICA IL FLYER

SCARICA LA PETIZIONE