SIT-IN CONTRO LA MATTANZA DI AGNELLI
IN OCCASIONE DELLA PASQUA


Sabato 21 marzo, a Piazza del Popolo a Roma un numeroso gruppo di attivisti delle associazioni Oipa, Voce Antispecista, Lav, Vita Universale, No-Alla-Caccia e Aida&A ha manifestato il proprio sdegno per l’inutile massacro di giovani agnelli che già in queste ore si sta consumando in vista della ricorrenza pasquale. Un milione tra agnelli e capretti vengono sgozzati ogni anno senza pietà alcuna per il solo scopo di imbandire una tavola con le loro carni, per il pranzo di Pasqua. Un menù che molti difendono tirando in ballo la tradizione e che invece per gli animalisti scesi in piazza ha come principali ingredienti la crudeltà e l’insensibilità verso una vita di appena qualche settimana, che viene strappata alla madre, caricata su un tir e uccisa per il solo scopo di appagare i palati di molti.

Verso le 16.00 ci siamo ritrovati in piazza del Popolo e dopo un po’ di preparativi necessari per prendere le sembianze di agnelli con la gola insanguinata a simulare lo sgozzamento che subiscono questi animali, abbiamo sfilato con cartelli e slogan davanti alla folla dei passanti per richiamare la loro attenzione sull’assurdità di mangiare il cosiddetto ‘abbacchio’; per invitarli a riflettere sul fatto che mangiare carne non è semplicemente una questione di gusti alimentari ma implica una responsabilità ben più grave, quella di rendersi complici della cruenta uccisione di animali innocenti, torturati e privati di tutto durante la fase di allevamento, infine uccisi in modo barbaro, come fossero oggetti.

Per di più, imbandire la tavola nel giorno di Pasqua con un agnellino di qualche settimana, e sostenere di volerlo fare per rispetto della tradizione, è quanto di più contraddittorio ci possa essere: la Pasqua è una festa di pace, e andrebbe celebrarla con questo spirito.

“SCEGLI UNA PASQUA DI PACE, SCEGLI UNA PASQUA VEGETARIANA”, questo lo slogan del volantino distribuito per l’occasione, con cui si invita a festeggiare questa ricorrenza in maniera veramente pacifica, e, soprattutto, coerente: “Non riusciresti a sgozzare con le tue mani un agnellino, dunque, sii coerente: non mangiarlo”riporta il volantino. Un invito quindi a riflettere sulle proprie scelte di consumatori, su quelle che riguardano il cibo, innanzitutto, che ‘impattano’ maggiormente sul mercato, e lo indirizzano.

 

La ‘popolazione’ che animava piazza del popolo e le vie limitrofe - che abbiamo percorso in lungo e in largo con i nostri cartelli sandwich – era, come prevedibile, piuttosto distratta, molto più propensa a pronunciare insulse battutine sulla ‘bontà’ della carne di agnello e con la mente rivolta allo shopping, che a leggere il volantino.

Tuttavia la location, classica per lo shopping romano in quell’ora di sabato, era stata scelta proprio perché offriva la possibilità di entrare in contatto con un altissimo numero di persone:infatti tra i tanti qualcuno si è fermato; interessato, incuriosito, qualcuno che magari pur non essendo vegetariano non mangiava agnello a Pasqua e ha voluto un po’ dei nostri volantini da distribuire vicino casa o davanti alla chiesa, e che, chissà, magari deciderà di eliminare del tutto la carne dalla propria tavola!

Il prossimo appuntamento è previsto per sabato prossimo, 28 marzo; saremo a Piazza Cola di Rienzo, sempre dalle 16 alle 20, per convincere la gente a cambiare menù: se solo a Pasqua si scegliesse un menù vegetariano, celebrando degnamente questa festa, centinaia di migliaia di agnelli avrebbero salva la vita! Sabato presso il nostro stand troverete anche le uova di Pasqua! Non sono moltissime, e sicuramente finiranno, quindi se le volete .. affrettatevi!

OIPA Italia Onlus
Sezione Roma
Giovanna Di Stefano
Delegata Roma e Provincia
Mail: roma@oipa.org
Cell:329.7325187

www.oipa.org