La sua pancia era molto gonfia quando è stata trovata, ma Margherita non era gravida come si pensava, erano delle pietre ad aver gonfiato il suo stomaco. Prima sfruttata per la caccia e poi abbandonata in mezzo al nulla, questa giovane segugia era talmente divorata dalla fame da arrivare a mangiare dei sassi per sopravvivere.

Terrorizzata da tutto, senza un occhio e con i denti tutti spezzati dalle pietre che aveva ingurgitato, era stata recuperata lo scorso aprile dai volontari dell’OIPA di Teramo, che pur avendone viste tante, erano rimasti anch’essi scioccati alla vista delle pietre dentro il suo stomaco.

Le avevamo fatto una promessa, ricordate? Quella di farla tornare a splendere proprio come il fiore da cui prende il nome. ? Ed eccola qui, finalmente sorridente, finalmente felice di vivere. Ora manca l’ultimo grande passo per restituirla ad una vita degna di questo nome ❤, chi si prenota per la sua adozione in famiglia? Margherita è una cagnolina molto affettuosa e saprà ricambiare il vostro nobile gesto con amore infinito.

Info: Martina Luponetti, Vice-delegata OIPA Teramo e provincia; Tel. 327 3173013; vice-teramo@oipa.org

LA STORIA DI MARGHERITA

19 aprile 2021 – LA CACCIA E I SUOI FRUTTI: HA MANGIATO PIETRE PER SOPRAVVIVERE, HA TUTTI I DENTI SPEZZATI E LE MANCA UN OCCHIO. SI CHIAMA MARGHERITA E CON IL NOSTRO AIUTO TORNERÀ AD APRIRSI ALLA VITA

Oggi a raccontarvi della cruda storia di Margherita sono gli stessi volontari dell’OIPA di Teramo, rimasti esterrefatti delle condizioni in cui era ridotta questa giovane segugia abbandonata o scappata da chissà quanto tempo dal suo aguzzino. “Pensavamo di averle viste tutte. Di aver imparato fino a dove può spingersi l’uomo. Invece, ci è stato dimostrato per l’ennesima volta che l’uomo è capace di sorprendere, quasi sempre in negativo, e che alla sua cattiveria non c’è mai fine.
Vi presentiamo Margherita, ennesima prova di questa crudeltà. Recuperata senza un occhio, giovanissima, sui 4/5 anni, con i denti tutti spezzati. Quella che vedete non è una pancia da gravidanza, ma una pancia gonfia perché il suo stomaco è pieno di pietre. Si avete letto bene, pietre. Questa povera creatura abbandonata in mezzo al nulla è stata costretta a mangiare pietre per sopravvivere, pietre che le hanno spezzato tutti i denti. Non osiamo immaginare come abbia potuto perdere l’occhio. Ora è con noi, sotto stretta osservazione. È terrorizzata, ma pian piano speriamo che con il tempo possa guarire nel corpo e nell’anima”.

Durante il viaggio verso la clinica Margherita ha rigurgitato calce e polvere di pietre, è stata tenuta sotto osservazione e al primo segno di pericolo sarebbe stata operata, ma per fortuna ha spurgato da sola.  Sottoposta a sverminazione e ad una serie di esami di cui si attende l’esito, è stata accolta in stallo dagli Angeli blu di Teramo e viene alimentata con cibo specifico per non stressare ulteriormente l’intestino.

Solo da pochi giorni Margherita ha superato la sua diffidenza e ha iniziato a scodinzolare ai volontari, che riempie di baci, ma ha ancora tanta paura nei confronti degli estranei e anche degli altri cani.

Aiutiamola a tornare alla vita, Margherita ha bisogno di capire che d’ora in poi nessuno le farà più del male.

Info per aiuti e adozioni:  Martina Luponetti, Vice-delegata OIPA Teramo e provincia; Tel. 327 3173013; vice-teramo@oipa.org

 

COME AIUTARE MARGHERITA DELL’OIPA DI TERAMO

CONTO CORRENTE POSTALE Vai in posta e compila un bollettino postale inserendo l’importo e la causale “Offerta Margherita – OIPA Teramo” su c/c n.43 03 52 03 intestato a: OIPA Italia

BONIFICO BANCARIO Effettua un bonifico con l’importo sul conto corrente n.43 03 52 03 banco posta Codice IBAN: IT28 P076 0101 6000 0004 3035 203 BIC/SWIFT (per bonifico estero) BPPIITRRXXX con la causale “Offerta Margherita – OIPA Teramo”

ASSEGNO Invia un assegno bancario non trasferibile intestato a OIPA Italia a: OIPA Italia – via Gian Battista Brocchi 11 – 20131 Milano

CARTA DI CREDITO Solo per il pagamento con CARTA DI CREDITO cliccate il tasto INVIA LA DONAZIONE, e all’interno della pagina immettere l’offerta