Emergenza neve nel canile di campobasso e in diversi rifugi in provincia di taranto: l’allerta dei volontari OIPA

EMERGENZA NEVE, ANIMALI CONDANNATI A MORIRE DI STENTI O TRAVOLTI DALLE SLAVINE IN FRAZIONI ISOLATE DELL’ASCOLANO E TERAMANO.

L’APPELLO DELL’OIPA ALLE ISTITUZIONI: NON ABBANDONATELI, SERVONO MEZZI PER LIBERARE LE STRADE E PERMETTERCI DI AIUTARLI

L’OIPA di Ascoli Piceno, che in questi giorni sta intervenendo su segnalazione per verificare lo stato degli animali rimasti prigionieri e isolati da muri di quattro metri di neve, denuncia una situazione di emergenza estrema, caratterizzata da numerose frazioni di Acquasanta Terme, Arquata del Tronto, Valle Castellana e in generale provincia di Teramo, non raggiungibili per strade impraticabili, già evacuate dagli abitanti, ma con animali rimasti soli a morire di fame, senza ripari e esposti al pericolo slavine e valanghe.

Nella giornata di mercoledì 25 gennaio i volontari dell’OIPA Ascoli Piceno hanno raggiunto il comprensorio di un’azienda edile sul confine tra Acquasanta Terme e Valle Castellana, dove un cane, tre cavalli e una capra non venivano accuditi e alimentati da una settimana. Il cane era rinchiuso in un box, completamente sommerso dalla neve, mentre i cavalli e la capra si trovavano un recinto, costretti ad avanzare nella neve alta fino a due metri. Un cavallo era a terra a causa di una zampa spezzata accanto ad un altro esemplare morto e parzialmente coperto dalla neve. Dopo aver lasciato cibo per gli animali, i volontari OIPA hanno individuato il proprietario degli animali, che non ha però mostrato alcun interesse a provvedere alle loro cure e sostentamento. Per questo motivo i volontari OIPA hanno allertato la Protezione civile e i carabinieri, fornendo la posizione del luogo, affinché venisse predisposto un intervento di evacuazione degli animali, che tuttavia, ad oggi, non è ancora stato predisposto per mancanza di personale.

“Abbiamo ricevuto segnalazioni di moltissimi animali, anche feriti, completamente abbandonati e condannati a morire di stenti, schiacciati dal crollo di stalle o travolti dalle slavine causate dallo scioglimento della neve. Molti contadini e allevatori sono stati evacuati e non gli è consentito ritornare ad alimentare i propri animali perché le strade non vengono sgombrate – sottolinea Fabrizio Bruschetti, delegato OIPA Ascoli Piceno – La situazione è gravissima e, pur consapevoli delle numerose criticità che coinvolgono gli abitanti della zona, non possiamo assistere impotenti alla morte di esseri viventi che non hanno la possibilità di mettersi in salvo da soli”.

NOTIZIE SULL'EMERGENZA NEVE

Una staffetta “col cuore” per gli animali colpiti dal gelo: gli aiuti dell’OIPA di Treviso e di Pordenone ai volontari dell’OIPA di Campobasso

  Padova, Ferrara, Bologna, Firenze, Orvieto, Roma e Frosinone: sono le tappe percorse dalla “staffetta col cuore”, un’iniziativa organizzata dal dott. Aldo Giovannella in collaborazione i volontari dell’OIPA di Treviso e dell’OIPA di Pordenone e per portare...

OIPA ITALIA ODV

Organizzazione Internazionale Protezione Animali
C.F. 97229260159

Sede legale e amministrativa
via Gian Battista Brocchi 11 – 20131 Milano – Tel. 02 6427882 – Fax 178 2206601

Sede amministrativa
via Albalonga 23 – 00183 Roma – Tel. 06 93572502

info@oipa.org

c/c postale: n° 43 03 52 03
Codice IBAN: IT28 P076 0101 6000 0004 3035 203

COME AIUTARE L'OIPA


CONTO CORRENTE POSTALE

Vai in posta e compila un bollettino postale inserendo l'importo e la causale "Offerta OIPA Italia Odv" su c/c n. 43 03 52 03 intestato a: OIPA Italia

BONIFICO BANCARIO
Effettua un bonifico con l'importo sul conto corrente n. 43 03 52 03 banco posta
Codice IBAN: IT28 P076 0101 6000 0004 3035 203 BIC/SWIFT (per bonifico estero) BPPIITRRXXX con la causale "Offerta Oipa Italia Odv"

ASSEGNO
Invia un assegno bancario non trasferibile intestato a OIPA Italia a: OIPA Italia - via Gian Battista Brocchi 11 - 20131 Milano

CARTA DI CREDITO - PAYPAL
Clicca sul pulsante qui sotto e all'interno della pagina immetti l'importo dell'offerta

 

Share This