[cs_video column_size=”1/1″ video_url=”https://www.youtube.com/watch?v=gUH8af5xe0k” video_width=”500″ video_height=”250″][/cs_video]

L’ evento pasquale è alle porte e per molti esseri viventi questo momento, che dovrebbe rappresentare la rinascita, si tramuta in un periodo di lutto, perché molti agnelli e capretti verranno torturati e uccisi.
Sono molti gli italiani che, oramai, hanno preso consapevolezza degli effetti delle proprie scelte alimentari, e che si dissociano dalla scelta di mangiare l’agnello a Pasqua, questo grazie alle costanti denunce animaliste.
Sebbene gli ultimi dati della macellazione di ovini e caprini forniti dall’Istat riportino una percentuale di consumo sempre più in calo (nel giro di dieci anni la quantità si è più che dimezzata), purtroppo, la mattanza non si arresta.
Da sempre dietro la parola “tradizione” si è celato il vero motivo per cui molti animali vengono allevati a scopo alimentare: il vile denaro. È la questione economica a spingere gli esseri umani a trasformare gli animali come beni mobili riproducibili.
La mercificazione e le condizioni in cui vengono allevati e poi destinati all’abbattimento, rilevano una crudeltà efferata e inaccettabile, che va contro ogni regola morale. Strappati alle loro madri a 30 – 40 giorni di vita, ancora troppo piccoli, procurando dolore e frustrazione a entrambi, vengono pesati e issati sulle zampe, ammassati insieme agli altri, e poi caricati nei camion, verso il loro ultimo viaggio.
All’arrivo vengono scaricati peggio di oggetti di frangibile valore, e destinati alla pratica di stordimento che non sempre viene effettuata secondo regolamento, e senza alcuna pietà vengono uccisi ancora coscienti.

Come sempre, anche quest’anno denunceremo la mattanza degli agnelli, con una campagna in loro difesa: “Nato per vivere” perché ogni essere vivente che nasce, ha diritto di crescere, essere, vivere. Il ciclo di vita di ogni animale a due e a quattro zampe, è un diritto imprescindibile, sotto tutti i punti di vista.

Simbolo della nuova campagna dell’OIPA, un agnello salvato dagli angeli blu e battezzato Pablo Emilio. I volontari dell’OIPA dell’Aquila, coinvolti quotidianamente nel recupero degli animali in difficoltà,  si sono ritrovati dinanzi a sé una mamma oramai priva di vita con accanto i suoi due cuccioli stremati e privi di forze.

Forse disorientati e avviliti dalla stanchezza, avevano tentato di fuggire dai loro aguzzini. Rimasto solo senza il fratellino, che purtroppo non ce l’ha fatta, “Nato per vivere” vuole simboleggiare il vero significato della Pasqua, attraverso sentimenti d’amore puri e sinceri, verso i quali dobbiamo riconoscerci ed essere rispettosi.

Proprio in questo periodo, con tutto quello che sta accadendo, abbiamo bisogno di migliorare le condizioni del mondo che ci circonda.
La natura ci ha lanciato un messaggio molto evidente: dobbiamo smetterla di maltrattare la nostra terra e le creature che ve ne fanno parte. Quindi eliminare il consumo di carne non solo per il rispetto degli altri esseri senzienti, ma anche per salvaguardare la nostra salute e l’ambiente.

Per festeggiare la Pasqua, pertanto, vi esortiamo a congiungere l’immagine dell’agnello come emblema della rinascita, immaginando un nuovo rapporto tra noi e gli animali “da reddito”: non più violenza, non più sottomissione, ma una rinascita ad un mondo nuovo, basato sulla fratellanza e la condivisione.

COME AIUTARE PABLO DELL’AQUILA

CONTO CORRENTE POSTALE Vai in posta e compila un bollettino postale inserendo l’importo e la causale “Offerta Pablo – OIPA L’Aquila” su c/c n.43 03 52 03 intestato a: OIPA Italia

BONIFICO BANCARIO Effettua un bonifico con l’importo sul conto corrente n.43 03 52 03 banco posta Codice IBAN: IT28 P076 0101 6000 0004 3035 203 BIC/SWIFT (per bonifico estero) BPPIITRRXXX con la causale “Offerta Pablo- OIPA L’Aquila”

ASSEGNO Invia un assegno bancario non trasferibile intestato a OIPA Italia a: OIPA Italia – via Gian Battista Brocchi 11 – 20131 Milano

CARTA DI CREDITO Solo per il pagamento con CARTA DI CREDITO cliccate il tasto INVIA LA DONAZIONE, e all’interno della pagina immettere l’offerta

[gallery_bank type=”images” format=”masonry” title=”true” desc=”false” responsive=”true” display=”all” sort_by=”random” animation_effect=”bounce” album_title=”true” album_id=”0″]