Progetto OIPA Milano “i gatti di Alice”

LA FAMIGLIA DEI “GATTI DI ALICE” SI INGRANDISCE: I VOLONTARI DELL’OIPA MILANO VISITANO LE NUOVE COLONIE INSERITE NEL PROGETTO.

Sono ben quattro le colonie feline che entrano a far parte del progetto “I Gatti di Alice” dell’OIPA di Milano per un totale di circa quaranta gatti, una decina per colonia, site in una zona industriale nel comune di Melzo, non molto distanti l’una dall’altra.

Per chi non conoscesse ancora il progetto della sezione di Milano “I Gatti di Alice”, ha lo scopo di tutelare e curare le colonie feline presenti sul territorio, dove a volte gli individui presenti vengono ignorati quando sono in difficoltà: “tanto se la cavano da soli” alcuni dicono! Ma grazie a questa iniziativa la sensibilità nei confronti dei felini liberi sul territorio sta crescendo, e ci auspichiamo che possano sorgere laddove sia possibile, delle vere e proprie oasi felici.

Prima colonia

Composta da 9 gatti

Miao 10 anni molto socievole, sempre presente e ci fa da Cicerone nel visitare tutti gli altri suoi compagni di avventura!!  Nina – la tartarugata, a lei piace dormire rannicchiata a su una sedia donata da un buon cuore, Terry – micia rossa 13 anni, barcolla ma non molla, altri che non si sono fatti vedere Panzi, Leo, Marilù, Rita, Miciotto.

In questa prima colonia sono presenti postazioni esterne per la pappa e per il riparo.

Seconda colonia

Composta da 9 gatti

4 tigrati (mamma, papà e due piccoli), 3 neri (di cui una femmina) e 1 bianco e nero, ma dobbiamo ancora imparare a riconoscerli. Qui è presente soltanto una postazione pappa.

Terza colonia

Composta da 8 gatti

3 tricolori, 1 bianca e nera, 4 simili a Miao (uno di loro si chiama Bandito e crediamo che sia il capitano dell’allegra brigata)! Anche qui sono presenti un paio di postazioni per la pappa e per il riparo.

Quarta colonia

Composta da 11 gatti

3 neri, 2 tartarugati, 1 rosso, 1 grigio…Alcuni nomi: Milly, Polpetta, Ragù, Simba, Nocciolina, Ricciola.

Presente postazione pappa e ripari creati con materiale di fortuna al cui interno sono ci sono delle coperte per permettere ai mici di ripararsi e riposare tranquilli.

Cercheremo di contribuire donando qualche casetta, oltre alla fornitura di cibo, antiparassitari e cartelli che segnalino la presenza delle colonie per massimizzare le azioni di protezione.

Vi chiediamo di sostenerci per poter continuare a garantirgli cibo per sfamarli, antiparassitari per proteggerli e cure veterinarie specialmente per i più cagionevoli di salute, oltre a delle cuccette per garantire un riparo sicuro.

I PROGETTI OIPA

Abbiamo fatto una promessa, quella di non lasciarli soli. Così ogni giorno, siamo accanto a loro: “i Gatti di Alice” del progetto dell’OIPA Milano.

Durante il periodo freddo, i gatti liberi sul territorio, hanno bisogno di potersi riparare, perché vento, pioggia e neve, non li risparmiano. Ma fosse solo questo a preoccuparci! Purtroppo si ammalano, di conseguenza vanno curati e monitorati, a volte recuperati e portati in clinica, e sappiamo bene che per molti animali in difficoltà, gli Angeli blu dell’OIPA sono la loro unica opportunità. Ma ognuno di noi può fare la propria parte in questo progetto avviato dai volontari, che nasce dall’amore di una ragazza che in un momento della sua vita ci ha dovuti lasciare, trasmettendo il suo amore che oggi vive nelle nostre azioni verso queste creature. Ecco che l’amore prende diverse forme, e non si annulla, l’amore cresce e si diffonde.

Oggi, Gunny, Mowgli, Mamy, Hinks, Ramen, Bianchino e tutti gli altri protagonisti del progetto, hanno bisogno di tutto il nostro sostegno. In mezzo alla neve o sotto la pioggia sbucano fuori da sotto le aiuole o dalle casette, con quei musetti simpatici aspettano le pappe, e i meno timidi non rifiutano inoltre qualche carezza come il nostro Mowgli (in video). Alcuni di loro, come Ramen, Vasquez o Jonesy invece, hanno dovuto lottare con le disavventure della vita di strada, investiti, ammalati, sono stati salvati dai volontari, e grazie alle cure immediate che il progetto sostiene, hanno avuto la loro seconda possibilità e sono stati adottati.

Il nostro appello ha quindi lo scopo di garantire il benessere a questa comunità di felini, accudirli e proteggerli, in nome di Alice e del grande impegno profuso tutti i giorni dai volontari.

COS’E’ IL PROGETTO “I GATTI DI ALICE”

Porta il nome di una ragazza scomparsa prematuramente e che amava moltissimo i gatti, proteggendo e accudendo i più indifesi. Si chiamava Alice e il suo ricordo rimarrà sempre vivo nel progetto che hanno voluto dedicarle gli Angeli Blu dell’OIPA di Milano.
Grazie a una donazione ricevuta in sua memoria dalla famiglia, il progetto I gatti di Alice, oltre a dare il nome alla colonia felina milanese, contribuisce a sostenere cure veterinarie, ripari e sostentamento alimentare per tanti mici randagi seguiti dai volontari dell’OIPA. E così l’amore di Alice per gli animali sarà sempre vivo e presente in ogni gesto di cura e dedizione dei nostri volontari nei loro confronti.

Già avviato da diversi mesi con la realizzazione di piccole collocazioni di accudimento per i felini, che consentono ai mici di trovare protezione e ristoro nelle casette costruite appositamente per loro, il progetto sta proseguendo con tante altre iniziative: non solo con un costante lavoro di monitoraggio e di messa in sicurezza dell’area in cui stanziano i mici, un contesto urbanizzato nel quale i rischi cui sono esposti sono sempre tanti, ma anche con cure veterinarie mirate per i più cagionevoli di salute e per quelli che, purtroppo, hanno subito degli incidenti.
Il progetto I gatti di Alice ha dunque proprio questo obiettivo: creare una piccola “comunità” dove i mici ospiti possano vivere tranquilli e protetti, pur rimanendo liberi.
Contrariamente a un pregiudizio molto diffuso nel nostro Paese, secondo il quale i gatti randagi “se la cavano da soli”, bisogna rimarcare che, purtroppo, la realtà è molto diversa da quella che fa comodo immaginare.

I nostri amici felini non sono dei robot, si ammalano proprio come accade a noi umani e, soprattutto se randagi, sono ancora più vulnerabili, poiché non vivono in uno “stato di natura”, che di fatto non esiste, né in un immaginifico Eden, ma sono esposti ai rischi della strada e subiscono spesso condizioni igienico-sanitarie non adeguate al loro benessere. Dietro un cespuglio, sotto una macchina o accovacciato in un angolo della strada, capita spesso di trovare qualche esserino indifeso e in difficoltà che aspetta solo un gesto caritatevole.
Come dei piccoli senzatetto, ma di un’altra specie, i randagi vanno dunque accuditi e monitorati sul territorio così da garantire loro la libertà e il diritto alla salute, evitando quindi che soffrano per la mancanza di quel minimo di cure sanitarie che dovrebbero essere garantite a ogni essere vivente per consentirgli di vivere una vita dignitosa.

BIANCHINO

La storia di Bianchino è esemplificativa di quanto può accadere a un micio di strada quando viene trascurato, perché questo dolcissimo batuffolo bianco porta ancora con sé le tracce di un grande sofferenza.Sbucato fuori dal nulla e inizialmente molto diffidente, si è pian piano integrato nella colonia felina, ma con l’arrivo dell’estate e delle giornate assolate, Bianchino si è ammalato di carcinoma squamocellulare, un tumore che colpisce i gatti di colore chiaro, in particolare quelli bianchi e che, se non curato in tempo, è devastante per l’animale, tanto da portarlo nella gran parte dei casi alla morte.Accolto nel progetto, Bianchino ha potuto essere operato d’urgenza e curato. Reintrodotto nella colonia, sarà monitorato dai volontari che lo terranno sotto controllo per verificare il suo stato di salute.

JONESY

Anche Jonesy si è trovato in seria difficoltà, ma per cause molto diverse da quelle di Bianchino. Affabile e bonaccione, era sempre il primo a sbucare con la testa dalle casette e ad apparire in ogni video e scatto fotografico dei volontari che, quotidianamente, si recano a sfamare tutti i gatti della colonia.Un giorno, però, Jonesy non c’è, qualcosa non va, e i volontari s’insospettiscono perché uno come lui non sarebbe mai mancato all’appello del “giro pappe”. Dopo averlo cercato a lungo, lo trovano stremato in un fossato. Investito da un pirata della strada, Jonesy ha riportato un grave trauma cranico, la rottura multipla del femore e un inizio d’infezione. Ricoverato per diversi giorni in prognosi riservata, è stato sottoposto a un delicato intervento al femore che, fortunatamente, è riuscito con successo. A più di un mese dall’incidente, la salute di questo bel gattone rosso è notevolmente migliorata. Grazie al progetto e al sostegno di tanti soci e simpatizzanti che hanno seguito la sua storia, gli Angeli blu hanno potuto donargli la speranza di tornare a camminare. La strada verso la guarigione è ancora lunga, e non è certo che Jonesy possa tornare nuovamente a correre e saltare come prima ma, adottato dalla volontaria che lo accudiva, non sarà più solo in questo difficile percorso. Nella colonia dedicata ad Alice vi sono altri gatti che hanno incontrato delle difficoltà, ognuno con la propria storia alle spalle. Vasquez, ad esempio, una bellissima micia di circa un anno e mezzo, ha avuto seri problemi di salute a causa di una brutta polmonite, ma come una grande guerriera è riuscita a vincere la sua battaglia, trovando anche una felice adozione. Altri mici, invece, non sono stati fortunati come lei e sono ancora in cerca di una casa, come Mowgli e Ramen.

MOWGLI

Prima re della colonia ma poi colpito da un malore, Mowgli è stato ricoverato in clinica per una brutta infezione allo stomaco che gli ha causato una forte anemia, destinandolo a mesi di cure e fluidoterapia. Proprio quando sembrava finalmente guarito, questo bellissimo micio ha avuto una ricaduta, dalla quale si è scoperto che soffre della “Sindrome dell’intestino irritabile”, che causa sintomi come diarrea, vomito e mal di stomaco. Per seguire i trattamenti farmacologici prescritti dal veterinario, il simpaticissimo Mowgli non può più fare il randagio, ma necessita di uno stile di vita adeguato, compatibile con la sua malattia cronica. Giovanissimo, due anni circa, Mowgli gradisce molto i grattini e la pappa specifica e si è ben adattato alla vita di casa. Castrato, Fiv e Felv negativo, ora aspetta solo una famiglia che possa accoglierlo e riempirlo di coccole.

RAMEN

Appena un anno di età, a causa di una grave rinotracheite cronica Ramen non può più vivere in colonia come prima ma necessita di una vita adeguata alle sue condizioni di salute. Da quando è nato, ha vissuto in colonia dimostrando da subito un approccio socievole con l’uomo e mostrando di essere un micio giocherellone e curioso anche in un contesto casalingo, dove apprezza molto la vita da gatto di casa, le cure confortevoli e le coccole. La cura che deve seguire è di breve e semplice gestione, ma la cosa più importante è che viva al caldo, amorevolmente accudito. È castrato e testato, Fiv e Felv negativo. Il grande amore di Alice per queste creature ha permesso di curarli, garantendo loro una vita dignitosa nonostante tutte le avversità cui sono andati incontro. Ora anche noi possiamo fare la nostra parte aiutandoli a trovare una sistemazione adatta a loro! Mowgli e Ramen si trovano a Monza.

COME SOSTENERE IL PROGETTO

Per sostenere il progetto I Gatti di Alice o adottare uno dei mici:
Francesca Collodoro, delegata OIPA Milano Tel. 346 7032533; milano@oipa.org
Marta Crippa, vicedelegata, Tel. 331 4772185; vice-milano@oipa.org


CONTO CORRENTE POSTALE

Compila un bollettino postale in posta inserendo l’importo e la causale “offerta OIPA – colonia felina I gatti di Alice” su conto corrente: n° 43 03 52 03 intestato a: OIPA Italia


BONIFICO BANCARIO

Effettua un bonifico con l’importo dell’offerta con la causale “offerta OIPA – colonia felina I gatti di Alice” sul conto corrente: n. 43 03 52 03 banco posta Codice IBAN: IT28 P076 0101 6000 0004 3035 203 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX

ASSEGNO

Invia un assegno non trasferibile con l’importo a:
OIPA Italia – via Gian Battista Brocchi 11 – 20131 Milano

CARTA DI CREDITO E PAYPAL