[cs_video column_size=”1/1″ video_url=”https://www.youtube.com/watch?v=8dxGXwdLKqs” video_width=”500″ video_height=”250″][/cs_video]

Chi ci segue da tempo si ricorderà di Ringo, il “cane a metà” soccorso circa un anno fa dagli angeli blu dell’OIPA di Teramo in condizioni a dir poco drammatiche: abbandonato a se stesso in un piccolo comune di montagna nell’entroterra abruzzese, questo dolcissimo cagnolone di circa 6 anni non camminava, ma strisciava a raso terra a causa di ben tre fratture agli arti mai curate.

Dopo il primo intervento chirurgico all’arto più compromesso, l’anteriore destro, Ringo aveva ripreso a poco a poco a muovere i suoi primi passi e sembrava finalmente che la strada verso l’autonomia fosse vicina. Tuttavia, nonostante i suoi sforzi quotidiani e l’impegno dei volontari, la sua andatura non è migliorata granché, motivo per cui dopo aver subito la rimozione dei ferri inseriti nell’arto, Ringo è stato nuovamente sottoposto ad un altro intervento chirurgico per l’applicazione di 2 placche che dovrebbero dare maggiore stabilità alle ossa. Dagli accertamenti effettuati, inoltre, tra quali anche un’ecografia, la muscolatura dell’arto è risultata sì atrofizzata, ma non fibrotica, motivo per cui i volontari dell’OIPA di Teramo vorrebbero tentare la strada della riabilitazione quotidiana presso una struttura specializzata, così come consigliato dallo specialista che l’ha visitato.

Per continuare ad aiutarlo, però, c’è ancora bisogno di tanta solidarietà: non solo per coprire le spese veterinarie del secondo intervento chirurgico e dell’ecografia, sempre molto ingenti, ma anche per supportare Ringo nel percorso di fisioterapia che dovrà seguire.

Per informazione su Ringo e gli aiuti da offrire: Monica Di Mascio Vice-delegata: OIPA Italia sezione Teramo e provincia; Tel. 338 5005895 – vice-teramo@oipa.org

Alla conquista dalla dignità perduta: i primi passi di Ringo verso la libertà, un traguardo raggiunto grazie alla vostra generosa solidarietà

22 febbraio 2017

[cs_video column_size=”1/1″ video_url=”https://www.youtube.com/watch?v=P9FAJQl2Gqg” video_width=”500″ video_height=”250″][/cs_video]

Ricordate Ringo? Quando l’abbiamo lasciato, lo scorso dicembre, era un “cane a metà”: abbandonato a se stesso in uno sperduto paesino di montagna nell’entroterra abruzzese, questo dolcissimo cagnolone di circa 6 anni era stato recuperato dalle volontarie dell’OIPA di Teramo in condizioni pietose, con ben tre fratture agli arti mai curate e che, calcificatesi nel tempo senza un intervento correttivo, lo costringevano a strisciare a raso terra.

Grazie alla solidarietà di tantissimi di voi che hanno donato preziosi contributi per operarlo, oggi Ringo ha raggiunto il suo primo grande traguardo: l’intervento chirurgico all’arto più compromesso, l’anteriore destro, ha avuto un esito positivo, radio e ulna si sono finalmente calcificati in modo corretto e adesso che il gesso è stato rimosso, Ringo ha iniziato a compiere i suoi primi passi verso la libertà.

Dovrà pian piano esercitarsi per riacquisire la muscolatura della zampa, un percorso di riabilitazione che sarà ancora molto lungo e che prevede anche un successivo intervento all’altro arto anteriore, ma la tenacia e la grande energia di Ringo, che non ha mai perso il sorriso e la voglia di vivere, non possono che farci sperare in un cammino che sarà sempre in salita.

 

COSA E’ SUCCESSO

Striscia a raso terra, ma scodinzola ancora e sorride alla vita: è Ringo, il “cane a metà” salvato dagli angeli blu dell’OIPA di Teramo. Anche tu puoi aiutarlo a riconquistare la dignità perduta.

12 dicembre 2016

[cs_video column_size=”1/1″ video_url=”https://www.youtube.com/watch?v=agii-MirhhQ&feature=youtu.be” video_width=”500″ video_height=”250″][/cs_video]

C’è voluta un’ora e mezza d’auto per raggiungere Ringo, randagio segnalato alle volontarie dell’OIPA di Teramo come “cane con un grave problema alle zampe”. Avvistato in uno sperduto paesino di montagna nell’entroterra abruzzese, le poche informazioni che si hanno di lui derivano dal racconto di un signore americano abitante nella zona che si occupava di sfamarlo.

Ringo sarebbe stato il cane di un contadino che lo investì accidentalmente senza, tuttavia, preoccuparsi minimamente di curarlo. Vittima di una vergognosa indifferenza, questo dolcissimo cagnolone di circa 6 anni è sopravvissuto fino ad oggi in una condizione pietosa, con ben tre fratture agli arti mai curate e che, calcificatesi senza un intervento correttivo, lo costringono a strisciare a raso terra compiendo solo per qualche secondo dei piccoli passi.
Impossibilitato a muoversi, Ringo trascorre l’intera giornata accasciato a terra, fermo sempre nello stesso posto. Oltre a provare molto dolore alle articolazioni, Ringo fa estrema fatica a stare in piedi e, quando ci prova, non riesce ad assumere comunque una postura normale.

Vista la gravità delle sue condizioni, le volontarie dell’OIPA di Teramo l’hanno sottoposto ad una serie di controlli e radiografie per capire come aiutarlo. Dopo un’attenta valutazione ortopedica, durante la quale sono state individuate due fratture ad entrambi gli arti anteriori e una all’arto posteriore destro, Ringo è stato sottoposto al primo intervento chirurgico all’arto più compromesso, l’anteriore destro, per consentire l’allineamento di radio e ulna interessati da un mancato consolidamento della pregressa frattura.

Gli ortopedici hanno previsto al momento due interventi per riallineare gli arti anteriori e, solo in seguito all’andamento del post operatorio, si valuterà cosa fare con l’arto posteriore.
Per ogni operazione, tra cui quella appena effettuata, è stato preventivato un costo di circa 1800 euro, ecco perché gli angeli blu dell’OIPA di Teramo lanciano un accorato appello nei confronti di chiunque possa aiutarli ad affrontare le ingenti spese veterinarie.

Con le loro proprie forze hanno recuperato Ringo, l’hanno accudito fino ad oggi con amore e attenzione accogliendolo in uno stallo casalingo, ma per restituirgli la dignità perduta hanno bisogno dell’aiuto di tutti.

Chiunque possa offrire un contributo economico per sostenere questo dolcissimo cagnolone che, nonostante la sofferenza ancora sorride alla vita, l’aiuterà concretamente a riacquistare quella metà di se stesso che ha perso a causa dell’indifferenza umana, talvolta più crudele della stessa violenza.

Per informazione su Ringo e gli aiuti da offrire: Monica Di Mascio Vice-delegata: OIPA Italia sezione Teramo e provincia; Tel. 338 5005895 – vice-teramo@oipa.org

[cs_services cs_service_type=”modern” cs_service_icon_type=”icon” icon=”Choose Icon” service_bg_imageVPAQvXLPtf=”Browse” service_icon_size=”fa-2x” cs_service_bg_color=”#c7e2e2″ cs_service_postion_modern=”top-left” cs_service_postion_classic=”left” cs_service_title=”COME AIUTARE RINGO”]

CONTO CORRENTE POSTALE
Vai in posta e compila un bollettino postale inserendo l’importo e la causale
“RINGO – OIPA TERAMO” su c/c n.43 03 52 03 intestato a: OIPA Italia

BONIFICO BANCARIO
Effettua un bonifico con l’importo sul conto corrente n.43 03 52 03 banco posta
Codice IBAN: IT28 P076 0101 6000 0004 3035 203
BIC/SWIFT (per bonifico estero) BPPIITRRXXX con la causale “RINGO – OIPA TERAMO”

ASSEGNO
Invia un assegno bancario non trasferibile intestato a OIPA Italia a: OIPA Italia – via Gian Battista Brocchi 11 – 20131 Milano

CARTA DI CREDITO
Solo per il pagamento con CARTA DI CREDITO potete continuare compilando i campi di seguito segnando l’importo totale e la causale “RINGO – OIPA TERAMO” verrai indirizzato direttamente alla pagina PayPal.

[/cs_services]

[gallery_bank type=”images” format=”masonry” title=”true” desc=”false” responsive=”true” display=”all” sort_by=”random” animation_effect=”bounce” album_title=”true” album_id=”0″]